classifica 2018!?!

31 dicembre 2018

Anche quest’anno Cineforum.it ha chiesto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2018 (quelli che più abbiamo amato). Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2018, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2018). Sotto, le mie.

C’è anche la classifica dei 3 migliori film visti ai festival, ecc.

Infine, di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo…

I 10 migliori film usciti in sala:

1) Phantom Thread di Paul Thomas Anderson

2) La Mort de Louis XIV di Albert Serra

3) First Reformed di Paul Schrader

4) Call Me by Your Name di Luca Guadagnino

5) Un Beau soleil intérieur di Claire Denis

6) Les Fantomes d’Ismaël di Arnaud Desplechin

7) Dogman di Matteo Garrone

8) The 15:17 to Paris di Clint Eastwood

9) Girl di Lukas Dhont

10) Lazzaro felice di Alice Rohrwacher

Fuori classifica poiché impossibile da classificare:

Le Livre d’image di Jean-Luc Godard

I 3 migliori film visti ai festival e non ancora usciti in sala:

1) High Life di Claire Denis

2) Jiang hu er nv (Ash Is Purest White) di Jia Zhangke

3) Gangbyun Hotel – Hotel by the River di Hong Sang-soo

Altri film visti nel corso dei festival, particolarmente belli, geniali, interessanti (in ordine sparso):

Roi Soleil di Albert Serra

La Flor di Mariano Llinás

Paul Sanchez est revenu ! di Patricia Mazuy

Terra Franca di Leonor Teles

Kamagasaki Cauldron War (Tsukiyonokamagassen) di Leo Sato

Ni de lian (Your Face) di Tsai Ming-liang

Sobre tudo sobre nada di Dídio Pestana

Sobre tudo sobre nada

Reunión di Ilan Serruya

reunion

CoinCoin et les Z’inhumains di Bruno Dumont

Da xiang xi di er zuo (An Elephant Sitting Still) di Hu Bo

Sedução da Carne di Júlio Bressane

15429183305bf710ba525d8_1542918330_16x9_md

Waldheims Walzer (The Waldheim Waltz) di Ruth Beckermann

Long Day’s Journey Into Night di Bi Gan

Nota:

Non ho ancora visto, purtroppo, Les Âmes mortes (Dead Souls) di Wang Bing, Ex Libris – The New York Public Library e Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman, Santiago, Italia di Nanni Moretti, Logan Lucky di Steven Soderbergh, The Other Side of the Wind di Orson Welles, Peter Bogdanovich e Bob Murawski, Ang panahon ng halimaw (Season of the Devil) di Lav Diaz, Zama di Lucrecia Martel… Se li avessi visti, forse, sarebbe cambiato qualcosa nelle classifiche… o almeno credo…

Annunci

classifica 2013!?!

3 gennaio 2014

Non mi era mai capitato di scrivere una classifica dei migliori film dell’anno. O di fare classifiche in generale, perché poi mi scordo sempre qualcosa, mi pento dell’ordine, ci ripenso. Però le ho sempre trovate spassose, e ho sempre letto quelle degli altri con curiosità e divertimento. Mi ha fatto quindi piacere la richiesta che Cineforum.it ha fatto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2013 (quelli che più abbiamo amato, per svariati motivi), dei 3 migliori film visti ai festival, in dvd, ecc., e delle 3 delusioni. Mi son messa a ragionarci un po’ su e è venuta fuori una piccola lista (non senza dubbi su cosa inserire o meno). Di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo in alcuni periodi…

P.S.: Pur avendoli visti nel 2012, rispettivamente al Festival di Torino e alla Mostra del Cinema di Venezia, ho deciso di inserire anche Holy Motors e The Master, non solo perché sono comunque usciti in sala nel 2013, ma anche per la loro forza visiva e immaginifica che mi ha accompagnato per mesi.

Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2013, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2013; le singole classifiche dei migliori film visti nel 2013 ma non ancora distribuiti nelle sale italiane; le singole classifiche delle delusioni cinematografiche 2013). Sotto, le mie – le piccole differenze tra questa versione e quella apparsa su Cineforum.it dipendono solo dall’aver introdotto qui degli ex aequo (molti, per la verità) che, per ragioni di chiarezza o più semplicemente di regole tali da rendere la classifica di ognuno omogenea con quelle degli altri, non potevano essere inseriti dall’altra parte.

I 10 migliori film usciti in sala:

1) Holy Motors di Leos Carax

Leggi il seguito di questo post »

The Great Gatsby (Il grande Gatsby) di Baz Luhrmann con Leonardo DiCaprio, Tobey Maguire, Carey Mulligan, Joel Edgerton, Elizabeth Debizcki, Isla Fisher, Jason Clarke, Amitabh Bachchan  

Side Effects (Effetti collaterali) di Steven Soderbergh con Jude Law, Rooney Mara, Catherine Zeta-Jones, Channing Tatum, Vinessa Shaw

Spring Breakers di Harmony Korine con Vanessa Hudgens, Selena Gomez, James Franco, Ashley Benson, Rachel Korine

The Bling Ring di Sofia Coppola con Emma Watson, Katie Chang, Israel Broussard, Claire Julien, Taissa Farmiga, Georgia Rock, Leslie Mann

the-great-gatsby-1Dopo aver visto qualche giorno fa The Great Gatsby, nella versione in 3D di Baz Luhrmann, i pensieri si sono rincorsi, collegando, anche in maniera un po’ azzardata, la pellicola tratta dal capolavoro di Francis Scott Fitzgerald a una serie di film che sembrano forse aver poco a che fare tra loro: Side Effects di Steven Soderbergh, Spring Breakers di Harmony Korine e The Bling Ring di Sofia Coppola. Eppure solo dalla disgregazione narrata (e mostrata) in The Great Gatsby possono prender vita le altre tre opere. “Aveva fatto molta strada per giungere a questo prato azzurro e il suo sogno doveva essergli sembrato così vicino da non poter sfuggire più. Non sapeva che il sogno era già alle sue spalle, in quella vasta oscurità dietro la città, dove i campi oscuri della repubblica si stendevano nella notte”.

 

Leggi il seguito di questo post »