cannes 3: lost river

2 giugno 2014

Questo testo è apparso su Cineforum.it.

Lost River di Ryan Gosling con Christina Hendricks, Saoirse Ronan, Eva Mendes, Matt Smith, Iain De Caestecker, Ben Mendelsohn, Barbara Steele, Reda Kateb, Landyn Stewart, Garrett Thierry, Rob Zabrecky, Demi Kazanis, Torrey Wigfield, Cody Stauber

lost river 1Il fiume perduto del titolo è quello delle immagini che hanno accompagnato l’infanzia e l’adolescenza di Ryan Gosling. I film di Sam Raimi e Tobe Hooper – su tutti The Evil Dead (La casa, 1981), citata in maniera estremamente esplicita, e The Texas Chainsaw Massacre (Non aprite quella porta, 1974) – ma anche le pellicole che vedevano protagonista Barbara Steele, icona del cinema horror, qui nel ruolo della nonna che non parla ma continua a guardare vecchi filmati in cui lei appare magnetica e inquietante come lo era lost river 2ne La maschera del demonio (1960) di Mario Bava o in The Pit and the Pendulum (Il pozzo e il pendolo, 1961) di Roger Corman. Alle immagini estremamente evocative, che risentono, per la stilizzazione della trama – quasi nulla – e per certe atmosfere enigmatiche, dell’influenza di Nicolas Winding Refn e David Lynch, si contrappone una realtà che di evocativo non ha più nulla, ma che assiste al collasso dell’Immaginario, di cui il film si nutre, nel nudo Reale.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

only god forgives

20 giugno 2013

Only God Forgives (Solo Dio perdona) di Nicolas Winding Refn con Ryan Gosling, Kristin Scott Thomas, Vithaya Pansringarm, Yayaying (Rhatha Phongam), Tom Burke, Byron Gibson, Gordon Brown, Sahajak Boonthanakit, Charlie Ruedpokanon, Oak Keerati

The rest is silence

only-god-forgives-1“Vado a incontrare il diavolo” dice Billy al fratello Julian – col quale gestisce una palestra di thai boxe a Bangkok, copertura per il traffico di droga – prima di stuprare e uccidere una prostituta di sedici anni. L’ordine così ferocemente violato verrà ristabilito solo attraverso il sangue. Only God Forgives mette in scena una catabasi, una discesa agli inferi, e la cruenta e liberatoria risalita di due personaggi contrapposti e complementari: Chang, una specie di angelo della vendetta, deciso a punire tutti coloro abbiano preso parte alla barbarie, con castighi che tengano conto del peccato o della colpa di cui si siano macchiate le sue vittime, e Julian, sorta di laconico Amleto, bloccato dalla sua ignavia e castrato dalla madre.

Leggi il seguito di questo post »