Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Les Girls di George Cukor con Gene Kelly, Kay Kendall, Mitzi Gaynor, Taina Elg

les girlsI film proiettati a mezzanotte, si sa, sono sempre un po’ snobbati ai festival: è tardi, tutti sono stanchi, la mattina dopo si inizia presto. Eppure la scelta del 33. Bergamo Film Meeting di programmare il magnifico Les Girls (1957) di George Cukor alle 00.15 del primo giorno dell’ormai storica manifestazione cinematografica è stata azzeccatissima. Non c’è nulla di più vicino all’attività onirica di un musical di questo tipo: verità e menzogna che si mischiano di continuo, messa in scena chiaramente posticcia, colori sgargianti e inverosimili (la straordinaria bellezza del Technicolor!). Spesso, dopo aver sognato, si rimane col dubbio di aver visto una situazione reale, cioè che avrebbe potuto accadere o che magari è già accaduta (a livello logico tout se tient), eppure qualcosa sfugge e, ancora un po’ intontiti, finiamo per esclamare “Ma non è possibile! Allora era tutto falso!”.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

classifica 2013!?!

3 gennaio 2014

Non mi era mai capitato di scrivere una classifica dei migliori film dell’anno. O di fare classifiche in generale, perché poi mi scordo sempre qualcosa, mi pento dell’ordine, ci ripenso. Però le ho sempre trovate spassose, e ho sempre letto quelle degli altri con curiosità e divertimento. Mi ha fatto quindi piacere la richiesta che Cineforum.it ha fatto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2013 (quelli che più abbiamo amato, per svariati motivi), dei 3 migliori film visti ai festival, in dvd, ecc., e delle 3 delusioni. Mi son messa a ragionarci un po’ su e è venuta fuori una piccola lista (non senza dubbi su cosa inserire o meno). Di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo in alcuni periodi…

P.S.: Pur avendoli visti nel 2012, rispettivamente al Festival di Torino e alla Mostra del Cinema di Venezia, ho deciso di inserire anche Holy Motors e The Master, non solo perché sono comunque usciti in sala nel 2013, ma anche per la loro forza visiva e immaginifica che mi ha accompagnato per mesi.

Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2013, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2013; le singole classifiche dei migliori film visti nel 2013 ma non ancora distribuiti nelle sale italiane; le singole classifiche delle delusioni cinematografiche 2013). Sotto, le mie – le piccole differenze tra questa versione e quella apparsa su Cineforum.it dipendono solo dall’aver introdotto qui degli ex aequo (molti, per la verità) che, per ragioni di chiarezza o più semplicemente di regole tali da rendere la classifica di ognuno omogenea con quelle degli altri, non potevano essere inseriti dall’altra parte.

I 10 migliori film usciti in sala:

1) Holy Motors di Leos Carax

Leggi il seguito di questo post »

holy motors

15 luglio 2013

Holy Motors di Leos Carax con Denis Lavant, Edith Scob, Eva Mendes, Kylie Minogue, Michel Piccoli, Elise Lhomeau, Jeanne Disson

Anche nel caso di una riproduzione altamente perfezionata,
manca un elemento: l’hic et nunc dell’opera d’arte –
la sua esistenza unica è irripetibile nel luogo in cui si trova.
Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica

holy-motors-1Oggetto anarcoide e cangiante, refrattario a qualsiasi tipo di descrizione–catalogazione, Holy Motors potrebbe rappresentare lo stadio ultimo del processo descritto da Walter Benjamin nel suo saggio L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica e il suo ribaltamento, un’opera d’arte riprodotta e riproducibile eppure irripetibile.

Il film inizia in una sala cinematografica gremita di spettatori addormentati. Sullo schermo scorrono le immagini degli studi sul movimento di Muybridge e Marey, i precursori del cinema. In una stanza d’albergo di fianco a un aeroporto, dove però si sentono i garriti dei gabbiani e le sirene delle navi, nonché il rumore del traffico cittadino, dorme anche Leos Carax. Si sveglia e osserva una parete, la cui carta da parati raffigura una foresta (copia di un bosco reale oppure rimando alla foresta che avanza, profezia delle streghe poi realizzata dai soldati, in Macbeth: in entrambi i casi sorta di trompe-l’œil che destabilizza il sistema percettivo). Una delle sue dita ha una sorta di protesi–chiave con la quale aprire e sfondare la parete-foresta.

Leggi il seguito di questo post »