classifica 2018!?!

31 dicembre 2018

Anche quest’anno Cineforum.it ha chiesto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2018 (quelli che più abbiamo amato). Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2018, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2018). Sotto, le mie.

C’è anche la classifica dei 3 migliori film visti ai festival, ecc.

Infine, di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo…

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it

Kamagasaki Cauldron War (Tsukiyonokamagassen) di Leo Sato

Kamagasaki

Porto/Post/Doc si conferma ancora una volta un ottimo Festival, con alla base una vera idea di programmazione. Non è raro vedere manifestazioni cinematografiche, anche con grandi investimenti economici, aver tutto fuorché un’idea. Un Festival non dovrebbe essere un’accozzaglia del meglio (e talvolta del meno peggio) offerto dal mercato, ma un percorso, o meglio un “discorso”, attorno al cinema, all’epoca storica, al nascere di nuovi talenti.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it

Sobre tudo sobre nada di Dídio Pestana

Sobre tudo sobre nada

But this dedication is for others to read:
These are private words addressed to you in public
T.S. Eliot, A Dedication to My Wife

Al contrario di una lettera, sempre rivolta a qualcuno, o di un intero carteggio, dal quale si possono intravedere umori e sfumature sentimentali che rimbalzano tra due persone anche senza essere dichiarati – la scelta di un aggettivo, la frase costruita con cortesia o diplomazia, oppure la dolcezza di certa punteggiatura, o al contrario il ritmo nervoso di una pagina che pare scritta di getto – un diario è sempre una questione privata. Anni fa ne vendevano addirittura col lucchetto, proprio perché di solito gli vengono consegnati pensieri e ricordi talmente intimi e privi di gentilezza da poter essere offensivi o scioccanti se letti da qualcuno vicino all’autore.

Leggi il seguito di questo post »