classifica 2018!?!

31 dicembre 2018

Anche quest’anno Cineforum.it ha chiesto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2018 (quelli che più abbiamo amato). Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2018, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2018). Sotto, le mie.

C’è anche la classifica dei 3 migliori film visti ai festival, ecc.

Infine, di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo…

I 10 migliori film usciti in sala:

1) Phantom Thread di Paul Thomas Anderson

2) La Mort de Louis XIV di Albert Serra

3) First Reformed di Paul Schrader

4) Call Me by Your Name di Luca Guadagnino

5) Un Beau soleil intérieur di Claire Denis

6) Les Fantomes d’Ismaël di Arnaud Desplechin

7) Dogman di Matteo Garrone

8) The 15:17 to Paris di Clint Eastwood

9) Girl di Lukas Dhont

10) Lazzaro felice di Alice Rohrwacher

Fuori classifica poiché impossibile da classificare:

Le Livre d’image di Jean-Luc Godard

I 3 migliori film visti ai festival e non ancora usciti in sala:

1) High Life di Claire Denis

2) Jiang hu er nv (Ash Is Purest White) di Jia Zhangke

3) Gangbyun Hotel – Hotel by the River di Hong Sang-soo

Altri film visti nel corso dei festival, particolarmente belli, geniali, interessanti (in ordine sparso):

Roi Soleil di Albert Serra

La Flor di Mariano Llinás

Paul Sanchez est revenu ! di Patricia Mazuy

Terra Franca di Leonor Teles

Kamagasaki Cauldron War (Tsukiyonokamagassen) di Leo Sato

Ni de lian (Your Face) di Tsai Ming-liang

Sobre tudo sobre nada di Dídio Pestana

Sobre tudo sobre nada

Reunión di Ilan Serruya

reunion

CoinCoin et les Z’inhumains di Bruno Dumont

Da xiang xi di er zuo (An Elephant Sitting Still) di Hu Bo

Sedução da Carne di Júlio Bressane

15429183305bf710ba525d8_1542918330_16x9_md

Waldheims Walzer (The Waldheim Waltz) di Ruth Beckermann

Long Day’s Journey Into Night di Bi Gan

Nota:

Non ho ancora visto, purtroppo, Les Âmes mortes (Dead Souls) di Wang Bing, Ex Libris – The New York Public Library e Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman, Santiago, Italia di Nanni Moretti, Logan Lucky di Steven Soderbergh, The Other Side of the Wind di Orson Welles, Peter Bogdanovich e Bob Murawski, Ang panahon ng halimaw (Season of the Devil) di Lav Diaz, Zama di Lucrecia Martel… Se li avessi visti, forse, sarebbe cambiato qualcosa nelle classifiche… o almeno credo…

Annunci

Questo testo è uscito su Cineforum.it

Roi Soleil di Albert Serra

Roi Soleil

Difficile trovare oggi, nel panorama cinematografico mondiale, qualcuno più libero, coraggioso e addirittura ambizioso di Albert Serra. Si tratti di un film, una pièce teatrale – come la geniale Liberté, presentata nel febbraio 2018 al Volksbühne di Berlino (per molti “il miglior film della Berlinale”, nonostante non facesse nemmeno parte della selezione) – o un’installazione d’arte – impressionante Singularity, esposta nel Padiglione della Catalunya durante la Biennale d’Arte di Venezia nel 2015.

Leggi il seguito di questo post »

classifica 2015!?!

19 gennaio 2016

Anche quest’anno Cineforum.it ha chiesto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2015 (quelli che più abbiamo amato). Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2015, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2015). Sotto, le mie – le piccole differenze tra questa versione e quella apparsa su Cineforum.it (come negli anni precedenti) dipendono solo dall’aver introdotto qui degli ex aequo che, per ragioni di chiarezza o più semplicemente di regole tali da rendere la classifica di ognuno omogenea con quelle degli altri, non potevano essere inseriti dall’altra parte. Ho anche stilato una classifica (piena di ex aequo anche questa, ma era davvero impossibile fare altrimenti) dei 3 migliori film visti ai festival, in dvd, serie tv, ecc., e delle 3 delusioni. Infine, di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo in alcuni periodi…

I 10 migliori film usciti in sala:

1 ) Inherent Vice (Vizio di forma) di Paul Thomas Anderson

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Albert Serra è l’artista invitato dall’Istituto Ramon Llull a Venezia, in occasione della 56. Esposizione d’Arte. Nel Padiglione della Catalogna, curato da Chus Martínez, presenta Singularity, una video-istallazione composta da 5 schermi in cui frammenti di un film di circa 12 ore sembrano dialogare tra loro sul momento di passaggio tra un’umanità che sta diventando macchinica e delle macchine che potrebbero, alla fine, umanizzarsi.
L’incontro con Serra, per l’inaugurazione di Singularity, è stato anche l’occasione per parlare del suo cinema e dei suoi lavori precedenti.

Singularity 1In Sigularity c’è una transizione tra due epoche, tra due momenti dell’umanità…
Sì, il progetto che ho scelto ha a che fare con questo tempo, col termine “singolarità”, col ruolo che le macchine avranno nel futuro. Ha a che fare con questo cambiamento, con la perdita della centralità del corpo, che a me interessa molto, poiché i miei film precedenti erano sempre focalizzati sul filmare le persone, i loro corpi, che è una vera e propria ossessione per me, e ora mi sono detto “va bene, andiamo avanti” e allora ho cercato di creare della finzione partendo dal nulla, di creare un tempo reale, e credo che qui ci sia molta più “performance”,o qualcosa di molto più vicino alla performance, rispetto a tutto quello che ho fatto prima. La mia sfida era di fare della finzione partendo da una materia, da un soggetto che, ovvio, era Singularity 2questo. E allora mi sono detto: perché non i minatori, perché non la prostituzione, il cui soggetto è il corpo, per me così importante, l’oro, la ricchezza, la corruzione, lo sfruttamento (in Singularity tutti i personaggi sono implicati in un lavoro fisico e sono ossessionati non tanto dal denaro, semplice “carta nominale”, quanto dall’oro, dunque da ciò che ha un valore intrinseco e che rende concreto il valore delle banconote, ndr), poiché in 12 ore puoi affrontare lo sfruttamento e la prostituzione del corpo e del lavoro e la volontà di ottenere soldi facilmente, la competizione tra i proprietari, in varie declinazioni. E poi, oltre a questo lavoro più approfondito sulla performance, mi è piaciuto concentrarmi su Singularity 3certi dettagli, più legati al mio classico universo cinematografico, alle mie immaginazioni. Forse c’è un approccio meno concettuale, rispetto ai miei lavori precedenti. E questa forse è la differenza principale. Ci sono le immagini in movimento, nella loro interezza… La possibilità di creare un nuovo mondo con le immagini. Questo può essere indisponibile, ma è reale e organico. E questo è il mio piacere, questo tipo di creazione. La mia materia sono le persone, lì sta il mio interesse principale. Le persone e il tempo. Mentre filmo ma anche nel montaggio, nel lavoro di postproduzione. Per dOCUMENTA, per esempio, avevo fatto questo lavoro un po’ megalomane, 101 ore di filmato (The Three Little Pigs), mescolando Hitler, Fassbinder e Goethe, per più di tre mesi ogni giorno avevo filmato un’ora. E per me questo è il punto: il tempo e le persone. A volte persone a me vicine, a volte persone sconosciute, cerco di trovare una mediazione, di moderare quello che si viene a creare anche con diversi materiali, da quelli più comuni o banali ai classici elementi: l’aria, l’acqua…

Leggi il seguito di questo post »

classifica 2013!?!

3 gennaio 2014

Non mi era mai capitato di scrivere una classifica dei migliori film dell’anno. O di fare classifiche in generale, perché poi mi scordo sempre qualcosa, mi pento dell’ordine, ci ripenso. Però le ho sempre trovate spassose, e ho sempre letto quelle degli altri con curiosità e divertimento. Mi ha fatto quindi piacere la richiesta che Cineforum.it ha fatto a tutti i suoi collaboratori di stilare una classifica dei 10 migliori film usciti in sala nel 2013 (quelli che più abbiamo amato, per svariati motivi), dei 3 migliori film visti ai festival, in dvd, ecc., e delle 3 delusioni. Mi son messa a ragionarci un po’ su e è venuta fuori una piccola lista (non senza dubbi su cosa inserire o meno). Di alcuni film, in precedenza, avevo scritto una recensione, di altri no: questo non sta a indicare un differente grado di fascinazione nei confronti di un’opera rispetto a un’altra, ma, assai più banalmente, la difficoltà nella gestione del tempo in alcuni periodi…

P.S.: Pur avendoli visti nel 2012, rispettivamente al Festival di Torino e alla Mostra del Cinema di Venezia, ho deciso di inserire anche Holy Motors e The Master, non solo perché sono comunque usciti in sala nel 2013, ma anche per la loro forza visiva e immaginifica che mi ha accompagnato per mesi.

Qui trovate anche le classifiche complete di Cineforum.it (il risultato finale delle classifiche dei migliori film usciti in sala nel 2013, ottenuto sommando le classifiche di ognuno; le singole classifiche di tutti i collaboratori dei migliori film usciti in sala nel 2013; le singole classifiche dei migliori film visti nel 2013 ma non ancora distribuiti nelle sale italiane; le singole classifiche delle delusioni cinematografiche 2013). Sotto, le mie – le piccole differenze tra questa versione e quella apparsa su Cineforum.it dipendono solo dall’aver introdotto qui degli ex aequo (molti, per la verità) che, per ragioni di chiarezza o più semplicemente di regole tali da rendere la classifica di ognuno omogenea con quelle degli altri, non potevano essere inseriti dall’altra parte.

I 10 migliori film usciti in sala:

1) Holy Motors di Leos Carax

Leggi il seguito di questo post »

història de la meva mort

1 dicembre 2013

Questo mio pezzo è uscito sulla rivista Cineforum.it. Il film di Albert Serra, premiato quest’anno col Pardo d’oro al Festival di Locarno, è stato la visione più sorprendente del Torino Film Festival e di certo tra le più originali degli ultimi tempi.

Història de la meva mort di Albert Serra con Vicenç Altaió, Lluís Serrat, Noelia Rodenas, Clara Visa, Montse Triola, Eliseu Huertas, Mike Landscape, Lluís Carbó, Clàudia Robert, Xavier Pau, Floarga Dootz

historia-2“L'(es) funziona ovunque, ora senza sosta, ora discontinuo. Respira, scalda, mangia. Caca, fotte.

Che errore aver detto l'(es). Ovunque sono macchine, per niente metaforicamente: macchine di macchine, coi loro accoppiamenti, colle loro connessioni”. Così si apre L’anti-Edipo di Deleuze e Guattari e mai definizione potrebbe essere più azzeccata per il Casanova messo in scena da Albert Serra in Història de la meva mort – che, ironicamente, mutua il titolo da Histoire de ma vie.

Leggi il seguito di questo post »