Intervista a Serge Bozon

8 dicembre 2017

Questo testo è uscito su Cineforum.it e su Cineforum n. 568.

La prima cosa a cui ho pensato vedendo Madame Hyde a Locarno, è che, in un certo senso, il film abbia a che fare con l’anticonformismo
In realtà non cerco mai di fare film in cui i protagonisti siano degli anticonformisti, non si tratta di sesso, droga e rock & roll, al contrario sono persone assai ordinarie, sono professori in una banlieue, come in questo caso, hanno un marito ordinario, una vita ordinaria, non sono assolutamente degli eccentrici, sono magari un po’ banali, un po’ oscuri, un po’ ottusi. E a un certo punto ne hanno abbastanza di questa banalità, di questa oscurità, di questa ottusità e dunque cercano di superarla, e è quello che accade nel film. Ma in realtà non avevo pensato all’anticonformismo. Tutto quello che posso dire è che nel film ci sono dei personaggi inquieti, preoccupati in rapporto a quello che la società attende da loro, allora una professoressa dovrebbe essere efficace, e lei non lo è, un preside dovrebbe essere carismatico. L’unico che sembra essere fuori dalla società, in questo senso, è il marito di Madame Géquil, poiché non lavora, suona il piano, quanto meno è un po’ artista, e è al di fuori della società, non ha la pressione della società e potremmo dire che è il più libero, forse il più anticonformista, eppure vedendolo, al contrario, sembra assai conformista e questo è dovuto al modo di recitare di José Garcia, che lo interpreta. In un certo senso il preside, Madame Géquil, lo stesso Malick, appaiono più speciali rispetto a lui, che sembra addirittura banale. Quindi grazie al modo di recitare di Garcia il personaggio più anticonformista – non ha figli, non lavora, fa quello che gli piace – sembra al contempo il più banale, e non si rende nemmeno conto della gravità di quello che accade.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Per una rosa di Marco Bellocchio
con Elena Bellocchio, Vanessa Scalera, Corrado Invernizzi
Fuori Concorso: Shorts

L’inferiorità è legata al non aver coraggio del proprio desiderio
Lorenzo Colajanni (Vittorio Mezzogiorno) ne La condanna

Risulta assai sorprendente come film dopo film, anno dopo anno, Marco Bellocchio raggiunga una sempre maggior libertà, che gli permette di affrontare le sue ossessioni in maniera costantemente rinnovata e originale, senza ripetersi mai, pur risultando riconoscibilissimo fin dalla prima inquadratura.

Per una rosa è un cortometraggio di 18 minuti, presentato nella sezione Fuori Concorso: Shorts all’ultimo Festival di Locarno, frutto del lavoro svolto con gli allievi del Progetto Fare Cinema.

In neanche venti minuti Bellocchio è riuscito a mettere tutto il suo cinema, i suoi temi, facendone un piccolo gioiello.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Madame Hyde di Serge Bozon
con Isabelle Huppert, Romain Duris, José Garcia
Concorso Internazionale

Se si dovesse trovare un aggettivo per definire il cinema di Serge Bozon, questa parola sarebbe dingue, ossia folle, assurdo, spostato. È ovviamente detto nel migliore delle accezioni possibili.

Già di per sé piuttosto non convenzionale come artista (è attore, regista, sceneggiatore, critico cinematografico, cinefilo di grande acume e dj dai raffinati gusti musicali), Bozon vanta una manciata di film come realizzatore tra i più originali visti negli ultimi anni (basti pensare a Mods o a Tip Top). Non fa eccezione Madame Hyde, tra le cose migliori viste a Locarno e negli ultimi tempi, ambientato in una scuola “difficile” di una banlieue francese.

Leggi il seguito di questo post »

Locarno 2017: Mrs. Fang

8 dicembre 2017

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Mrs. Fang di Wang Bing
Concorso Internazionale

Inutile girarci intorno, un grande regista lo si vede da come usa la macchina da presa, da cosa sceglie di mostrare e di lasciare fuori campo.

Mrs. Fang è la storia di un’agonia, quella di una donna, nemmeno troppo anziana, 75 anni, a cui, otto anni prima è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer. Dopo essere stata curata per lungo tempo in ospedale, risultando le cure ormai inefficaci, viene rimandata a casa presso i familiari, dove trascorrerà gli ultimi mesi della sua vita.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

9 Doigts di F. J. Ossang / Lucky di John Carroll Lynch / Milla di Valérie Massadian / As Boas Maneiras di Marco Dutra e Juliana Rojas

Non è semplice parlare di un film quando questi risulta essere un bellissimo oggetto cinefilo, ma senza provocare alcuna emozione, nessun sussulto.

Passata l’ondata postmoderna, o meglio la novità deflagrante che questa portava con sé, negli ultimi anni, anche in letteratura si è ricominciato a parlare di ritorno al realismo. Ora, sempre che sia di qualche interesse distinguere in due macro-categorie di questo tipo qualsiasi opera d’arte, letteraria o cinematografica, c’è da chiedersi quanto il postmoderno abbia ancora da dire, se ridotto a puro gioco combinatorio.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Verão Danado di Pedro Cabeleira

con Pedro Marujo, Ana Valentim, Lia Carvalho, Daniel Viana
Festival del Film Locarno – Cineasti del Presente

Moving as in a trance
destination did not matter…

Mr. G – Pause 4 Thought “With You” feat. Garfield King

Per chi ha vissuto anche solo la coda del ‘900, gli ultimi decenni del Secolo Breve, non volendosi allineare all’ordine orrendo, due erano le vie da percorrere: fight the system e fuck the system.

Mentre la prima veniva sostenuta da una logica e una razionalità ferree, dalla lettura di testi fondamentali che fungevano da basi teoriche, dalla partecipazione all’attività politica, fino a arrivare alla messa in pratica di una strategia ben precisa e alla lotta, la seconda, portava con sé la carica sovversiva (e di resistenza) di un radicale cambio di frame: io non lotto contro il tuo sistema, non entro nel tuo gioco, lo saboto dall’esterno, alzando il dito medio e tirandomene fuori.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è uscito su Cineforum.it.

Lutte Jeunesse di Thierry de Peretti (Histoires de Portrait) e Braguino di Clément Cogitore (Compétition Internationale)

FID Marseille 2017

Tra le visioni più sorprendenti del FID Marseille, oltre alla notevole opera prima firmata da Charlotte Serrande, 1048 Lunes, due film svelano con estrema precisione il legame di un popolo – numeroso o sparuto che sia – con la propria appartenenza alla terra di origine.

Lutte Jeunesse di Thierry de Peretti e Braguino di Clément Cogitore, pur affrontando in maniera sostanzialmente differente il sentimento di identificazione degli uomini col proprio territorio – “io sono la terra che abito” – ne mostrano con intelligenza il lato anti-sistemico, ribelle, in totale opposizione alla globalizzazione, non solo economica, ma soprattutto culturale.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è stato pubblicato su Cineforum.it.

1048 Lunes di Charlotte Serrand

FID Marseille – Compétition Premier Film – Histoires de Portrait

con Charlotte Bayer-Broc, Françoise Lebrun, Carmen Leroi, Noémie Lothe, Noémie Marignier

Tre giovani donne attendono il ritorno dei loro compagni, partiti per la guerra di Troia e mai più rientrati.

Passano le giornate scrutando il mare, scrivono lunghissime lettere che nessuno leggerà, tessono tele in maniera minuziosa, annodano reti. Sono sole, la loro esistenza è riempita da una mancanza, che cadenza il tempo e dona un senso alle loro vite. I loro corpi, completamente coperti dalle tuniche, sembrano dover scomparire, necessari soltanto a accogliere l’eroe, o naturale richiamo al desiderio quando i nomi degli uomini, urlati verso il mare, non ottengono risposta.

La condivisione del dolore, l’incontro con una cacciatrice e quello con Penelope, a sua volta in attesa di Ulisse, permettono alle tre ragazze di creare un piccolo collettivo e finalmente agire.

Leggi il seguito di questo post »

Questo testo è stato pubblicato su Cineforum.it.

Sarah Winchester – Opéra fantôme di Bertrand Bonello con Marie-Agnès Gillot, Reda Kateb

A reality is just what we tell each other it is.
Sane and insane could easily switch places…
In the Mouth of the Madness
, John Carpenter, 1994

sarah-winchester-opera-fantome-3La prima volta che ci si ritrova dietro le quinte di un palcoscenico si ha l’impressione di essere capitati all’interno di un labirinto: cunicoli, corridoi, fondali non utilizzati appoggiati a un muro che non fanno altro che aumentare la sensazione di spaesamento, porte che sembrano aprirsi sul niente, corde, scale sinuose, fari posizionati in mezzo al passaggio. E mentre chi lavora in teatro si sposta in quegli spazi con la stessa disinvoltura che avrebbe nel salotto di casa propria, il nuovo arrivato continua a sbagliare il percorso per andare ai camerini, ritrovandosi puntualmente di fronte a un muro, nell’ala opposta rispetto a dove dovrebbe essere, domandandosi chi abbia concepito un luogo tanto caotico e complicato.

Leggi il seguito di questo post »